Le isole della Laguna Veneziana meno conosciute

by alzatieviaggia@gmail.com
lagunaa di venezia

Quali luoghi visitare per respirare a pieno la tradizione veneziana

Oggi vi vogliamo parlare del nostro territorio: il Veneto.  E più in particolare delle isole della laguna di Venezia sconosciute ai più, in cui sembra di essere completamente catapultati in un mondo del tutto diverso dal resto del territorio circostante.

Spostarsi tra le varie isole è semplice anche se non si possiede una propria imbarcazione grazie all’efficiente rete di traghetti le cui tratte e orari sono consultabili QUI.

Le isole più conosciute sono indubbiamente le bellissime Murano, Burano, Torcello e Lido di cui ve ne parliamo in questo articolo (clicca QUI) ma di seguito troverete altre affascinanti lingue di terra non rinomate tanto le 4 citate ma piene di fascino e ancora molto incontaminate dal turismo di massa.

SANT’ERASMO

La seconda isola più grande per estensione dopo Venezia. È una delle poche isole della Laguna in cui sono presenti delle macchine, e per l’esattezza delle api! Infatti, proprio come ci spiegava la guida che ci ha portato a visitare questa magnifica isola, l’Ape è il mezzo preferito dei pochi abitanti dell’isola in quanto facilmente trasbordabile su un’imbarcazione e naturalmente ben poco ingombrante.

COSA VEDERE:

Campi e vigne popolano Sant’Erasmo con paesaggi che ricordano vagamente la costa francese. Oltre alle bellezze naturali  potrete visitare la Torre Massimiliana e la chiesa dedicata a Cristo Re. Immancabile è la spiaggia del Bacan, frequentatissima dai veneziani  che vi approdano con la loro barca in particolare durante le domeniche estive.

COME RAGGIUNGERE L’ISOLA:

L’isola di Sant’Erasmo è raggiungibile da Venezia Fondamente Nove, Murano e da Treporti Ricevitoria con le linee actv o attraverso trasferimenti privati.

PELLESTRINA

Tredici chilometri di lunghezza, adiacente alla movimentata e più conosciuta isola del Lido, abitata da poco più di 5000 persone ma animata e tradizionale come la vicina Venezia. Casette colorate attaccate le une alle altre si affacciano alla Laguna, senza alberghi e con poche trattorie Pellestrina è da visitare in quanto qui si respira ancora la vera tradizione veneziana.

DA VEDERE:

Il lungo cordone dei Murazzi settecenteschi che separano il Mar Adriatico dalle acque lagunari: baluardo contro le mareggiate, pietra d’istria alternata a fregi, lapidi e capitelli. Da non perdere anche Ca Roman, una piccola isola faunistica per gli amanti della natura.

COME RAGGIUNGERE L’ISOLA:

Raggiungibile da Venezia (in soli 15 minuti) e da Lido tramite il servizio di traghetti actv.

MAZZORBO

Anche in quest’isola la coltivazione delle vite e dei carciofi sono l’attività primaria.

Collegata a Burano tramite il “Ponte Longo” viene generalmente ignorata dal turista nella visita di questa parte di Laguna preferendo la colorata Burano e pittoresca Murano.

DA VEDERE:

La Tenuta Venissa una vigna murata aperta al pubblico, dove passeggiare e rilassarsi. Oltre alla vigna si possono visitare gli orti, gestiti da nove pensionati dell’isola, che nei mesi primaverili producono le famose castraure (carciofi) di Mazzorbo.

COME RAGGIUNGERE L’ISOLA:

In traghetto tramite la linea 12 da Fondamente Nove o Treporti.

0 commento
0

Potrebbe interessarti anche

lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.